effettua una ricerca

NEWS

Augmented Reality a portata di smartphone

Il presente e il futuro si continuano a rincorrere ad un una velocità talmente inaspettata da ritrovarci in un mondo che pensavamo sarebbe rimasto solo nei film di fantascienza.  Oggi la realtà aumentata non è più un optional dei nostri dispositivi mobili, ma ciò che le persone si aspettano di trovare quando utilizzano i loro smartphone e tablet. La tecnologia che rende possibile interagire online con oggetti offline va dai Beacons, al QR Code, al visual marketing di Blippar con tantissime altre declinazioni.I Beacons sono dei dispositivi di prossimità che interagiscono con un’app installata sullo smartphone tramite Bluetooth. Quando ci si avvicina ad un hotspot il Beacon (un apparecchio fisico, grande quanto un sasso) invia un messaggio che può segnalare la presenza di un’offerta o di una novità all’interno di un negozio, un ristorante, un museo ecc. Fotografando il QR Code, invece, si possono aprire diverse strade: le schede prodotto si ampliano rispetto al solo spazio dell’etichetta, lo screen del codice da un flyer installa automaticamente l’app evento e il retro di uno scontrino offre sconti e promozioni.Sempre di realtà aumentata si parla con l’applicazione Blippar che, grazie alla fotocamera del dispositivo mobile riconosce gli oggetti. Un browser fatto di immagini che inquadrando ciò che ci circonda riconosce di cosa si tratta, ne rileva le parole correlate e permette di approfondire la ricerca. Ad esempio, inquadrando uno strumento musicale rileverà di cosa si tratta, rimanderà ad una pagina descrittiva e aprirà dei video tutorial per imparare a suonare. Lo stesso può essere fatto in termini di digital marketing. Inquadrando il logo dell’azienda l’app attiverà molteplici funzionalità che vanno dalle più semplici, come l’interazione con un contenitore (una lattina che balla a tempo di musica o il disegno verde su un famoso bicchiere che prende vita), alle più interessanti come la lista degli ingredienti, lo store locator, offerte speciali…L’idea di avere all’interno della propria app per smartphone la possibilità di trasformare oggetti statici in oggetti che interagiscono con un dispositivo mobile, soddisfa le aspettative degli utenti ed è la strada che i marketer più influenti stanno percorrendo sempre di più.

Il presente e il futuro si continuano a rincorrere ad un una velocità talmente inaspettata da ritrovarci in un mondo che pensavamo sarebbe rimasto solo nei film di fantascienza.  Oggi la realtà aumentata non è più un optional dei nostri dispositivi mobili, ma ciò che le persone si aspettano di trovare quando utilizzano i loro smartphone e tablet. La tecnologia che rende possibile interagire online con oggetti offline va dai Beacons, al QR Code, al visual marketing di Blippar con tantissime altre declinazioni.

I Beacons sono dei dispositivi di prossimità che interagiscono con un’app installata sullo smartphone tramite Bluetooth. Quando ci si avvicina ad un hotspot il Beacon (un apparecchio fisico, grande quanto un sasso) invia un messaggio che può segnalare la presenza di un’offerta o di una novità all’interno di un negozio, un ristorante, un museo ecc. Fotografando il QR Code, invece, si possono aprire diverse strade: le schede prodotto si ampliano rispetto al solo spazio dell’etichetta, lo screen del codice da un flyer installa automaticamente l’app evento e il retro di uno scontrino offre sconti e promozioni.

Sempre di realtà aumentata si parla con l’applicazione Blippar che, grazie alla fotocamera del dispositivo mobile riconosce gli oggetti. Un browser fatto di immagini che inquadrando ciò che ci circonda riconosce di cosa si tratta, ne rileva le parole correlate e permette di approfondire la ricerca. Ad esempio, inquadrando uno strumento musicale rileverà di cosa si tratta, rimanderà ad una pagina descrittiva e aprirà dei video tutorial per imparare a suonare. Lo stesso può essere fatto in termini di digital marketing. Inquadrando il logo dell’azienda l’app attiverà molteplici funzionalità che vanno dalle più semplici, come l’interazione con un contenitore (una lattina che balla a tempo di musica o il disegno verde su un famoso bicchiere che prende vita), alle più interessanti come la lista degli ingredienti, lo store locator, offerte speciali…

L’idea di avere all’interno della propria app per smartphone la possibilità di trasformare oggetti statici in oggetti che interagiscono con un dispositivo mobile, soddisfa le aspettative degli utenti ed è la strada che i marketer più influenti stanno percorrendo sempre di più.

Ultime news

14/07/2021
Shopping online, ampia scelta o selezione curata

Quando si devono mettere in vendita i propri prodotti su un e-commerce, si deve sempre affrontare una domanda cruciale: i clienti vogliono una scelta illimitata di prodotti o preferiscono una selezione più curata?Avere una varietà di prodotti molto ampia, può generare il paradosso della scelta e lasciarli navigare all'infinito senza mai concretizzare un acquisto. Dall’altro lato, troviamo una selezione curata di prodotti che può guidare i clienti verso decisioni migliori, ma può anche lasciarli con la sensazione di non aver davvero preso parte al processo decisionale.in questa ricerca, si è cercato di rispondere a questa domanda, con l'obiettivo di dare ai clienti maggiore sicurezza e la fiducia necessaria per premere il pulsante Acquista.Con una corsia infinita di prodotti, è sempre meglio:Consenti ai consumatori di filtrare i prodotti in modo pertinenteMetti in evidenza i prodotti più richiesti nella vetrina del negozio virtualeAdatta il tuo approccio in funzione del valore del prodottoCon una selezione curata di prodotti, è sempre meglio:Non escludere i consumatori dal processo decisionaleFornisci consigli più utili sui prodottiIl modo migliore per soddisfare le esigenze dei consumatori varia a seconda della categoria, ma ecco cinque considerazioni chiave:Consenti ai consumatori di filtrare i prodotti in modo pertinenteMetti in evidenza i prodotti più richiesti nella vetrina del negozio virtualeAdatta il tuo approccio in funzione del valore del prodottoNon escludere i consumatori dal processo decisionaleFornisci consigli più utili sui prodotti