effettua una ricerca

NEWS

E-commerce per combattere la crisi

L’e-commerce aiuta contro la crisi.Venticinque venditori professionali, in soli 24 mesi, hanno registrato una crescita del 62% nel 2011 rispetto al 2010. I Paperoni 2.0 non saranno ai livelli di quelli statunitensi, pionieri del social networking a 9 zeri, ma si fanno largo anche sulla Rete italiana, grazie all’e-commerce e all’intraprendenza 2.0. Chi ha raggiunto record di fatturato, ha venduto nelle categorie “Fotografia e Video” e “Informatica e Palmari”.Il commercio elettronico è uno dei punti salienti anche dell’Agenda Digitale. Secondo il documento in dodici punti del Pacchetto Gentiloni, intitolato “Misure urgenti per lo sviluppo della domanda di servizi digitali”, l’aliquota unica per favorire l’e-commerce dovrebbe essere del 10%. Da una ricerca condotta dalla School of Management del Politecnico di Milano emerge che chi rinnova, ha meno difficoltà nella crisi economica e ne esce prima: circa il 70% delle aziende ha visto crescere il proprio fatturato nel primo semestre 2011 rispetto all’analogo periodo 2010; quasi il 40% l’incremento è stato a doppia cifra ed ha superato il 10%. Circa due imprese su tre hanno aumentato l’Ebitda, e per una su tre l’incremento è superiore del 20%. Chi innova con le tecnologie digitali, esce prima dalla crisi.

L’e-commerce aiuta contro la crisi.Venticinque venditori professionali, in soli 24 mesi, hanno registrato una crescita del 62% nel 2011 rispetto al 2010. I Paperoni 2.0 non saranno ai livelli di quelli statunitensi, pionieri del social networking a 9 zeri, ma si fanno largo anche sulla Rete italiana, grazie all’e-commerce e all’intraprendenza 2.0. Chi ha raggiunto record di fatturato, ha venduto nelle categorie “Fotografia e Video” e “Informatica e Palmari”.Il commercio elettronico è uno dei punti salienti anche dell’Agenda Digitale. Secondo il documento in dodici punti del Pacchetto Gentiloni, intitolato “Misure urgenti per lo sviluppo della domanda di servizi digitali”, l’aliquota unica per favorire l’e-commerce dovrebbe essere del 10%. Da una ricerca condotta dalla School of Management del Politecnico di Milano emerge che chi rinnova, ha meno difficoltà nella crisi economica e ne esce prima: circa il 70% delle aziende ha visto crescere il proprio fatturato nel primo semestre 2011 rispetto all’analogo periodo 2010; quasi il 40% l’incremento è stato a doppia cifra ed ha superato il 10%. Circa due imprese su tre hanno aumentato l’Ebitda, e per una su tre l’incremento è superiore del 20%. Chi innova con le tecnologie digitali, esce prima dalla crisi.

Ultime news

14/07/2021
Shopping online, ampia scelta o selezione curata

Quando si devono mettere in vendita i propri prodotti su un e-commerce, si deve sempre affrontare una domanda cruciale: i clienti vogliono una scelta illimitata di prodotti o preferiscono una selezione più curata?Avere una varietà di prodotti molto ampia, può generare il paradosso della scelta e lasciarli navigare all'infinito senza mai concretizzare un acquisto. Dall’altro lato, troviamo una selezione curata di prodotti che può guidare i clienti verso decisioni migliori, ma può anche lasciarli con la sensazione di non aver davvero preso parte al processo decisionale.in questa ricerca, si è cercato di rispondere a questa domanda, con l'obiettivo di dare ai clienti maggiore sicurezza e la fiducia necessaria per premere il pulsante Acquista.Con una corsia infinita di prodotti, è sempre meglio:Consenti ai consumatori di filtrare i prodotti in modo pertinenteMetti in evidenza i prodotti più richiesti nella vetrina del negozio virtualeAdatta il tuo approccio in funzione del valore del prodottoCon una selezione curata di prodotti, è sempre meglio:Non escludere i consumatori dal processo decisionaleFornisci consigli più utili sui prodottiIl modo migliore per soddisfare le esigenze dei consumatori varia a seconda della categoria, ma ecco cinque considerazioni chiave:Consenti ai consumatori di filtrare i prodotti in modo pertinenteMetti in evidenza i prodotti più richiesti nella vetrina del negozio virtualeAdatta il tuo approccio in funzione del valore del prodottoNon escludere i consumatori dal processo decisionaleFornisci consigli più utili sui prodotti